Terre emerse

 LAURA DE CARLI

 

 

 

 

Inaugurazione mercoledì 29 marzo 2017 ore 18.30

DAL 29 MARZO AL 12 APRILE

 

Le rappresentazioni geografiche di Laura De Carli sono scaturite da una ricerca pittorica che ha intrapreso da anni, materializzata in maniera consapevole, ma anche al di là della volontà dell’artista. Negli spazi della linea artecontemporanea verranno esposti lavori che parlano di questo tema.

In un piccolo Atlante Garzanti del secolo scorso, Laura De Carli trova una breve descrizione che nella sua sintesi, esprime in modo quasi poetico la formazione delle attuali terre emerse, come  “…frutto di lunghe e complesse vicende geologiche, che hanno dato origine a grandi masse continentali separate da profondi oceani”,  visione molto suggestiva, su cui Laura ha lavorato. Ne è nata una serie di raffigurazioni, di terre emerse immaginate,  di territori indefiniti, di masse instabili, in divenire.   Una rappresentazione che, tuttavia, ha tagliato i ponti con qualsiasi riferimento alla realtà  naturale, essendo  unicamente espressione di quel mondo parallelo che è l’attività ideativa, e che legittima forse anche il paradosso del suggerire  eventi  immensi  dentro lo spazio di dipinti minuscoli.

Laura De Carli, nata a Pordenone nel 1950, è vissuta molti anni a Venezia, dove ha frequentato il Liceo Artistico e si è laureata in Architettura. Ha frequentato i corsi della Scuola libera del nudo presso l’Accademia di BB AA e i corsi di Calcografia e di Litografia  presso la Scuola Internazionale di Grafica. Ha lavorato come libera professionista e come insegnante di ruolo nei Licei  Artistici di Treviso e di Venezia.  Attualmente vive a Roma, dedicandosi solamente alla pittura e alla scrittura.  Dal 1983 è presente con numerose mostre personali e collettive.  Ha pubblicato i libri di poesia  Esercizi, Firenze, Gazebo, 1996 e  L’ordine apparente,  Roma, ed. del  Giano, 2007.

 

Percorsi onirici

 YUN JUNG SEO

Percorsi onirici

 

a  cura di Simona Pandolfi

 

Inaugurazione giovedì 24 NOVEMBRE 2016 ore 18.00

 

Dal 24 novembre al 7 dicembre 2016

lun. – ven. ore 16.30-20.00 

sabato su appuntamento

 

la_lineaartecontemporanea prosegue la stagione espositiva con “Percorsi onirici”, personale dell’artista coreana Yun Jung Seo.  Gli spazi della linea verranno allestiti con una serie di piccoli dipinti su carta, realizzati attraverso materiali e tecniche differenti: chine, acrilici acquerellati, collage e ritagli di fogli bruciati. 

Dal 2005 Yun Jung Seo porta avanti questa personale ricerca artistica: paesaggi sognanti prendono forma su fogli di carta di vari colori (giallo, grigio, nero o bianco), che accolgono segni finemente ricamati a china e percorsi onirici tracciati con il colore acquerellato.

L’artista procede osservando la natura circostante e allo stesso tempo portando in superficie il ricordo di terre lontane o i visionari paesaggi prodotti dalla sua immaginazione.

Il torchio e le carte

inaugurazione giovedì 27 ottobre 2016 ore 18.00

 

In occasione di Rome Art Week, l’Associazione Culturale La_lineaartecontemporanea presenta la collettiva Il torchio e le carte in cui verranno esposte le opere grafiche di 5 artisti stampate con il torchio “storico” che recentemente l’associazione ha ricevuto in donazione da Mario Teleri Biason.

Anche un torchio ha la propria storia e questo, appartenuto al noto stampatore Renzo Romero, è stato dagli anni Sessanta un privilegiato mezzo d’espressione per la realizzazione delle opere di artisti quali Umberto Mastroianni, Pietro Consagra, Enrico Castellani, Giulio Turcato. Per Romero l’incisione non era un semplice mezzo di riproduzione, ma un medium espressivo di altissima qualità tecnica e ideativa. La sperimentazione di quegli anni apriva la strada a nuovi percorsi e filoni dell’incisione, grazie anche alla sinergia tra artisti e stampatore ricercata da Romero in quegli anni.

Il torchio Acquistato acquistato negli anni novanta dall’artista Mario Teleri Biason è arrivato nell’estate 2016 nel laboratorio grafico de La_lineaartecontemporanea, spazio dedicato interamente all'incisione artistica.

Gli artisti Bruno Aller, Mario Teleri Biason, Marina Bindella, Virginia Carbonelli, Cristina Piciacchia hanno deciso di “far rivivere” questo storico mezzo grafico stampando una propria matrice e proponendo la propria concezione dell’incisione nell’attuale ambiente artistico.

 

La linea ha un nuovo torchio storico,

Grazie all'artista Mario Teleri Biason 

Echi di sensazione

IKUHIRO KUGO





Inaugurazione MERCOLEDì 6 MAGGIO 2015 ore 18.30


Dal 6 al 26 maggio 2015

lun. – ven. 16.30-19.30



lalineaartecontemporanea propone per la stagione primaverile l’esposizione di piccole xilografie provenienti dal Giappone raccolte per la mostra dal titolo Echi di sensazione del giovane ma più che formato artista giapponese Ikuhiro Kugo.

La mostra proposta dalla lineaartecontemporanea che continua a dare voce al mondo della grafica d’arte è curata da Antonio Caterino, e propone una scelta di 12 xilografie su legno e stampate con il baren uno strumento tradizionale per la stampa xilografica.

la composizione delle immagine si risolve con l’intaglio di più matrici che conferiscono a quest’ultima una tridimensionalità raffinata ed elegante. I colori sono i protagonisti della mostra, ma protagoniste sono, anche una selezione di immagini in bianco e nero…”queste xilografie sono come dei catalizzatori di emozione, finestre aperte su un altro universo con le sue proprie leggi fisiche, dove luce e colore sono come gli echi di una visione che si realizza in silenzio”.



Consonanze

Roberto Chimenti 


Gianna Marianetti 


Consonanze / tra poesia ed immagine 


Piccolo libro d’artista 

poesia di Roberto Chimenti e incisioni di Gianna Marianetti.



Inaugurazione venerdì 10 aprile 2015 ore 18.00


Dal 10 al 22 aprile 2015

mart. – sabato 16.30-19.30


Calligrafie di Paesaggi

YUN JUNG SEO


Calligrafie di paesaggi


a cura di Mariantonietta Rufini


Inaugurazione domenica 23 NOVEMBRE 2014 ore 18.00


Dal 23 novembre al 4 dicembre 2014

lun.  ven. 16.30-20.00 sabato su appuntamento


lalineaartecontemporanea prosegue la stagione espositiva con la mostra personale di Yun Jung Seo curata da Mariantonietta Rufini.

Gli spazi della linea verranno allestiti con una serie di incisioni su carta nera stampata con inchiostro color oro ed argento.  Questa doppia modalità espressiva, è il risultato della ricerca artistica degli ultimi mesi dell’artista. Le matrici sono state lavorate a puntasecca e punzone elettrico su matrici di zinco. A completare l’esposizione due libri d’artista ideati e completamente lavorati dall’artista che completano il discorso espressivo realizzato con i colori in oro ed argento.

La produzione della seconda serie di cartelle realizzate a mano contenenti  grafiche dell’artista (piccole incisione su zinco stampate con inchiostro calcografico nero su carta bianca) saranno esposte insieme al  testo critico del curatore.

Yun Jung Seo è nata a Seul e, dopo un periodo di formazione a Nairobi, Tokio e Mosca,  ventenne si trasferisce negli Stati Uniti dove frequenta i corsi del Cornell College in Iowa. Dal 2002 vive e lavora a Roma dove ha frequentato a lungo lo studio dello scultore Carlo Lorenzetti. I suoi lavori raccontano una continua sperimentazione che va dalla grafica alla scultura, dal disegno alla fotografia. Ha partecipato a numerosissime mostre, personali e collettive, negli Stati Uniti e in Europa conseguendo importanti premi e riconoscimenti.

I suoi viaggi di formazione negli Stati Uniti e in Europa non l’hanno mai portata a una adesione acritica all’immaginario occidentale e, pur immergendosi in realtà distanti, non ha mai dimenticato le sue origini orientali. La Corea resta il mondo di una nascita biografica e immaginifica portato ovunque con sé come un dono da offrire a gentili ospiti che vogliano accoglierlo e fecondarlo per dar vita a quel nuovo che sempre pretende l’arte. Ed è così che l’ Oriente e l’Occidente si incontrano magicamente nella sua opera dando vita a forme  che riescono inaspettatamente a fondere due opposti mondi. 


comunicato stampa calligrafie di paesagg
Documento Adobe Acrobat 86.2 KB

Costellazioni-libro d'artista

Costellazioni - libro d’artista


Con una Poesia di Chiara Mutti 



Inaugurazione venerdì 14 novembre 2014 ore 18.30






la lineaartecontemporanea presenta il libro d’artista Costellazioni ideato e realizzato nei suoi laboratori nel corso del 2014. Il lavoro nasce dalla collaborazione tra Chiara Mutti, la cui poesia definita in 5 strofe è stata stampata attraverso il torchio calcografico su base di matrice fotopolimerica, e Virginia Carbonelli, attraverso il proprio intervento grafico.


A presentare il progetto con interventi di lettura sarà l’artista Valentina Martino Ghiglia, che interpreterà i versi di Chiara Mutti.


ritratto di famiglia con interno

Barbara Martini


Gruppo di famiglia con interno



Inaugurazione giovedì 23 ottobre 2014 ore 18.00


Dal 23 ottobre al 7 novembre 2014

lun. ven. 16.30-20.00 sabato su appuntamento



lalineaartecontemporanea prosegue la stagione espositiva con la mostra personale di 


Barbara Martini dal titolo “Gruppo di famiglia con interno” curata da Antonio Caterino.


Quest’anno si inaugura la produzione di cartelle realizzate a mano contenenti  grafiche dell’artista esposto e testo critico del curatore.

In poche parole questa cartella prodotta per Barbara Martini è la numero 1 della stagione, cartella che consta di solo 15 esemplari.

Gli spazi della linea verranno allestiti con una serie di piccole incisioni incorniciate.  Questa doppia modalità espositiva, con le opere raccolte nella cartella/album ed esposte alle pareti come foto di famiglia,  fa trasparire il tono di critica all’ideale piccolo borghese di immagine “graziosa” insito nel lavoro di Barbara Martini. Le incisioni esposte, di  piccole dimens ioni e lavorate con tecnica mista, partono da una fotoincisione su matrice di zinco per poi essere ritoccate a puntasecca con ulteriori interventi grafici.


comunicato stampa Barbara Martini.pdf
Documento Adobe Acrobat 177.7 KB

libri d'artista - piccola edizione

lalineaartecontemporanea prosegue la stagione espositiva con la mostra personale di 

 

Barbara Martini dal titolo “Gruppo di famiglia con interno” curata da Antonio Caterino.

 

Quest’anno si inaugura la produzione di cartelle realizzate a mano contenenti  grafiche dell’artista esposto e testo critico del curatore.

In poche parole questa cartella prodotta per Barbara Martini è la numero 1 della stagione, cartella che consta di solo 15 esemplari.

 

Gli spazi della linea verranno allestiti con una serie di piccole incisioni incorniciate.  Questa doppia modalità espositiva, con le opere raccolte nella cartella/album ed esposte alle pareti come foto di famiglia,  fa trasparire il tono di critica all’ideale piccolo borghese di immagine “graziosa” insito nel lavoro di Barbara Martini. Le incisioni esposte, di  piccole dimensioni e lavorate con tecnica mista, partono da una fotoincisione su matrice di zinco per poi essere ritoccate a puntasecca con ulteriori interventi grafici.

 
comunicato stampa piccola edizione.pdf
Documento Adobe Acrobat 342.8 KB

 

 

 

opere in piccolo

 

 

 

 

Inaugurazione sabato 5 ottobre 2013 ore 18.30

 

Dal 05 al 31 ottobre 2013

mar. – sab. 16.30-19.30 

 

 

la___lineaartecontemporanea aderisce allanona edizione della giornata del contemporaneo, il grande evento promosso da AMACI (Associazione dei  Musei d’arte contemporanea italiana), dedicato all’arte del nostro tempo e al suo pubblico e che quest’anno si svolgerà sabato 5 ottobre 2013 coinvolgendo oltre 1000 realtà del contemporaneo in Italia.

La mostra collettiva Opere in Piccolo presenta opere su carta, tra cui: xilografie, calcografie, disegni ed innovativi oggetti scultorei di artisti il cui percorso è  oramai storicizzato nel panorama dell’arte contemporanea italiana e internazionale e di artisti di generazioni successive, già distintisi con originali soluzioni di carattere sperimentale.

La collettiva intende valorizzare e ribadire l’importanza della grafica come tecnica artistica che vanta secoli di storia e contemporaneamente mostrarne la capacità di rinnovamento poetico ed espressivo e  valorizzare anche con la presenza di artisti che da anni sperimentano e lavorano con differenti materiali, la scultura di piccola dimensione. 

In mostra opere di: Milica Antonijevic, Claudia Canavesi, Virginia Carbonelli, Andrea Carini, Elisabetta Diamanti, Alessandro Di Massimo, Alessandro Fornaci, Cecilia Giampaoli, Ikuhiro Kugo, Federica Luzzi, Barbara Martini, Italo Medda, Vicktor Mijatovic, Annalisa Mitrano, Yun-Jung Seo, Grazia Sernia, Rosanna Rossi.

Comunicato stampa opere in piccolo.pdf
Documento Adobe Acrobat 63.1 KB

 

 

sette, libro d'artista

 

 

 

Gianna Bentivenga, Maria Pina Bentivenga, Virginia Carbonelli, Alessandro Fornaci, Laura Peres, Giorgia Pilozzi, Lucia Sforza.

Sette, libro d’artista ed incisioni.

 

a cura di Simona Pandolfi 

 

 

giovedì 13 settembre - 20 settembre 2012

 

Inaugurazione Giovedì 13 settembre 2013 alle ore 19.00. Saranno presenti gli artisti.

Giovedì 13 settembre alle ore 19.00, la__linea di Roma, inaugura la mostra  Sette, libro d’artista ed incisioni.  

 

 

 

La lineaartecontemporanea apre la stagione espositiva 2012/2013 con l’esposizione del libroSette,  un libro d’artista collettivo ideato e realizzato dagli artisti Gianna Bentivenga, Maria Pina Bentivenga, Virginia Carbonelli, Alessandro Fornaci, Laura Peres, Giorgia Pilozzi, Lucia Sforza nel 2012. Oltre al libro verranno esposte le sette incisioni su carta hanemule (carta hanemule usata anche per la tiratura del libro che consta di 22 esemplari) negli spazi espositivi della linea di via San Martino ai Monti. Tutte le matrici sono state lavorate dai 7 artisti e quindi sono un prodotto collettivo e sperimentale eseguito con tecniche incisorie varie: ceramolle, acquaforte, puntasecca, trapano elettrico, acquatinta.  

 

 

comunicato stampa 7 libro.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.6 MB

 

 

 

 

 

 

porte d'oriente

 

 

ROSANNA ROSSI 

Porte d’oriente

 

A cura di Marialuisa Maio

 

Venerdì 29 aprile – 19 maggio 2011

 

Inaugurazione Venerdì 29 aprile 2011 alle ore 19:00. Sarà presente l’artista Rosanna Rossi.

Venerdì 29 aprile alle ore 19.00, l’associazione culturale la__lineaartecontemporanea di Roma, inaugura la mostra Porte d’oriente, acquarelli di Rosanna Rossi

 

La mostra presenta una serie di quattordici acquarelli su carta, appartenenti all’attività dell’ultimo anno  di Rosanna Rossi (Cagliari, 1937), per la prima volta esposti al pubblico. 

La passione per la pittura non ha impedito all’artista di sperimentare nel corso degli anni diverse tecniche artistiche. La volontà di mettere in discussione i risultati raggiunti e l’eclettismo che diversifica la sua produzione sono rintracciabili anche nelle scelte stilistiche che la Rossi opera in ambito strettamente pittorico: sono infatti, la passione, la tenacia e l’uso sapiente del colore a guidarla e a farle sentire la necessità di cimentarsi, con la medesima intensità. Nel corpo stesso della pittura l'artista trova i mezzi narrativi per raccontare e raccontarsi attraverso una ricerca che è un  equilibrio tra raziocinio ed emozione, una particolare relazione tra pensiero e gesto. La sovrapposizione di velature, che sfrutta l’utilizzo di colori tra loro complementari, sfocia in una pittura basata sulla pura espressività degli stessi colori che infondono una vibrazione ritmica alla superficie e conferiscono al lavoro una qualità tattile. Così i quattordici acquerelli vibrano di un rosso declinato in tutte le tonalità, come di un blu e di un verde dalle cromie sfaccettate e dinamiche.

Verrà inaugurata, per l’occasione,  la nuova sala espositiva che accoglierà oltre agli acquarelli anche una video proiezione che documenta il lavoro dell’artista.

 
comunicato stampa-porte d'oriente.pdf
Documento Adobe Acrobat 94.4 KB

 

 

 

 

prima linea

 

 

 

A cura di: Enza Di Matteo

 

Inaugurazione sabato 9 ottobre 2010 ore 18.00

Dal 09 ottobre 2010 al 5 novembre 2010

lun. – ven. 17.00-20.00

 

 

la___lineaartecontemporanea aderisce allasesta edizione della giornata del contemporaneo, il grande evento promosso da AMACI (Associazione dei  Musei d’arte contemporanea italiana), dedicato all’arte del nostro tempo e al suo pubblico e che quest’anno si svolgerà sabato 9 ottobre 2010 coinvolgendo oltre 1000 realtà del contemporaneo in Italia.

La mostra collettiva Prima linea presenta opere su carta, tra cui: xilografie, calcografie e disegni di artisti il cui percorso storicizzato è ritenuto di imprescindibile valore nel panorama dell’arte contemporanea italiana e internazionale e  di artisti di generazioni successive, già distintisi con originali soluzioni di carattere sperimentale.

La collettiva intende valorizzare e ribadire l’importanza della grafica come tecnica artistica che vanta secoli di storia e contemporaneamente mostrarne la capacità di rinnovamento poetico ed espressivo.

 

In mostra opere di:  Marina Bindella, Luigi Boille, Andrea Carini, Virginia Carbonelli, Enrico Della Torre, Elisabetta Diamanti, Carlo Lorenzetti, Gianluca Murasecchi, Giulia Napoleone, Lucio Passerini, Daniela Quadraccia, Rosanna Rossi, Marina Sasso, Guido Strazza.

 

 

Comunicato stampa Prima Linea copia.pdf
Documento Adobe Acrobat 60.6 KB

 

 

 

 

Enrico Della Torre

 

 

Incisioni e libri d’artista                                      

 Inaugurazione giovedì 6 maggio ore 18:30. 

6 maggio  2010 –  18 maggio 2010 

Giovedì 6 maggio, alle ore 18.30, si inaugura la personale di Enrico Della Torre negli spazi della galleria la__lineaartecontemporanea di Roma; in mostra una serie di opere grafiche dell’artista ( nella maggior parte realizzate ad acquaforte e ad acquatinta ) eseguite dal 1978 al 2006. La mostra nasce da una stretta collaborazione tra Enrico Della Torre,  la Stamperia  di Paolo Sgroi situata a Spoleto e la___linea di Virginia Carbonelli. Presenti in mostra anche una cartella e due libri d’artista ( blu, 1994; per infinite pianure, 1992; In altro nero, 1983 ) prodotti dal lavoro che vede come protagonisti sempre Enrico della Torre ed illustri personaggi dell’arte e della letteratura italiana come Gillo Dorfles, Roberto Sanesi e Guido Ballo. 

 
comunicato stampa Enrico Della Torre.pdf
Documento Adobe Acrobat 137.9 KB

 

 

 

 

 

dall'immagine tesa

 

 

a cura di Arianna Mercanti 

 Inaugurazione martedì 16 marzo 2010 alle ore 18:00. 

16 marzo  2010 –  15 aprile 2010 

 

Martedì  16 marzo alle ore 18 negli spazi della galleria la__lineaartecontemporanea di Roma, si inaugura la mostra Dall’immagine tesa con opere grafiche di Marina Bindella e Lucio Passerini, due fra gli artisti più significativi dell’incisione italiana. Entrambi, hanno individuato nel linguaggio xilografico il nucleo originario della propria ricerca artistica. Marina Bindella presenta xilografie (su legno e su materiale plastico, spesso unite a tecniche sperimentali) e disegni a china, mentre Lucio Passerini propone incisioni su linoleum e rubber prints , queste ultime ottenute con una gomma intagliata e usata come timbro. Si tratta di due linguaggi astratti o, se si preferisce “non oggettivi”, che, in modo diverso, configurano le loro opere a partire dall’unità minima del segno. Nei lavori di Marina Bindella l’immagine cresce per trasformazioni, differenze e discontinuità fra i segni e le tessiture luminose generano spazi mutevoli.  Il linguaggio di Passerini è costituito da tessiture rettilinee e sagome quadrangolari che si dispongono sul foglio secondo direttrici ortogonali, in una sorta di costruzione architettonica.

Catalogo in mostra con testo critico di Arianna Mercanti

 
invito.pdf
Documento Adobe Acrobat 251.6 KB
Comunicato stampa Prima Linea copia.pdf
Documento Adobe Acrobat 60.6 KB

 

 

libere rifrazioni

 

 

ROSANNA ROSSI e IKUHIRO KUGO

libere rifrazioni

 

a cura di Enza Di Matteo

 

notturne visioni//mobili tracce

Giovedì 23 aprile – giovedì 4 giugno 2009

 

Inaugurazione giovedì 23 aprile 2009 alle ore 18:00. Sarà presente l’artista Rosanna Rossi.

Giovedì 23 aprile alle ore 18.00, la galleria la__lineaartecontemporanea di Roma, inaugura la mostra Libere rifrazioni, xilografie di Rosanna Rossi e Ikuhiro Kugo. 

 

La mostra presenta sette xilografie appartenenti all’attività degli ultimi nove anni di Rosanna Rossi (Cagliari, 1937), artista poliedrica che si distingue per l’eleganza e la raffinatezza del suo stile. 

Le stampe, tutte di grandi dimensioni e su carte giapponesi o cinesi, sono realizzate tramite l’incisione in rilievo della matrice di legno con sgorbie differenti o con il trapano elettrico e il successivo sfregamento del retro della carta posta sulla matrice inchiostrata con un cucchiaio di legno, secondo il metodo detto della “stampa a cucchiaio”. 

Tipico della Rossi è il trattamento pittorico della xilografia, rintracciabile nell’uso abile del colore e nella tiratura unica della stampa, dando così luogo a dei veri pezzi unici. 

L’uso personalissimo della tecnica xilografica è evidente nell’esito finale in cui sono evidenti oltre alla chiara divisione del segno, la profondità delle ombre e la qualità intima del colore. 

Il momento cruciale della ricerca artistica di Rosanna Rossi è quando a partire dagli anni Settanta abbandona definitivamente la formulazione figurativa delle forme per approdare naturalmente all’astrazione. L’esigenza di riduzione e l’ articolazione ritmica degli elementi segnano gli ulteriori sviluppi della sua opera, che volgono ad una sintesi fra regolarità geometrica delle linee e un uso intellettuale del colore, secondo la tradizione europea (Robert Delaunay). Un’essenzialità nelle forme che l’artista nel corso degli anni declinerà dagli interventi urbani di Cagliari e Quartu Sant’Elena (Cagliari) alle operazioni più sperimentali, animate dall’interesse per l’ambiente. 

 

La mostra presenta, in un ideale contrappunto con le opere di Rosanna Rossi, sette xilografie di Ikuhiro Kugo (Hyogo, 1977). Il giovane artista giapponese espone per la prima volta in Italia.

 Kugo è l’erede contemporaneo di un’antica tecnica di stampa, l’ ukiyo-e, ossia immagini del mondo fluttuante, diffusa a partire dal XVII secolo e di cui furono maestri, nell’Ottocento, Hokusai Katsushika e Hiroshige Utakawa.  Essa  influenzò, grazie alla sua bellezza poetica e alla visione profonda della natura, l’arte occidentale, a cominciare dagli impressionisti, e suscitò un fascino particolare su Vincent Van Gogh

Consiste nell’intagliare tavole di ciliegio con specifici coltelli, lasciando in rilievo le linee del disegno; si procede con l’inchiostratura della matrice lignea e la successiva stampa ottenuta mediante la pressione, sulla sottilissima carta giapponese,  del “baren”, una bobina di bambù intrecciato le cui proiezioni angolari pressano il pigmento nella carta.  

Kugo rinnova la tradizione con sensibilità e linguaggio contemporanei. Nello spazio astratto di  linee dalle molteplici direzioni scivolano forme fitomorfiche, sottili trasgressioni organiche del segno. Il bianco e nero è la riduzione ulteriore di un linguaggio che tende all’essenziale, pur evocando un sentimento della natura totalizzante. 

 
comunicato stampa - libere rifrazioni -
Documento Adobe Acrobat 102.4 KB